Stefano Polato, chef e cultore della cucina consapevole.

All’età di 24 anni, subito dopo aver conseguito il diploma alla Boscolo Etoile Institute inizia la sua esperienza di cuoco. Il cibo è informazione e comunica con il nostro corpo.

Da questa scoperta cambia la sua visuale e inizia un percorso di ricerca e studio che lo porta ad esplorare nuovi sistemi di cottura e sviluppare nuove consapevolezze. Comprende che la cucina, meglio, l’alimentazione quotidiana deve essere aggiornata. Quasi infastidito dal termine “rivisitato” si inventa la cucina tradizionale contemporanea, in linea con i nuovi stili di vita e con i nuovi prodotti alimentari disponibili.

Nel 2010 inizia la sua collaborazione con il gruppo Despar. Un colosso della grande distribuzione del Nord Est Italia che inizia a divulgare concetti di sana alimentazione e corretti stili di vita attraverso un magazine (DiVita Magazine) e attraverso un sito internet (Casa Di Vita). La chiave di volta si chiama Samantha Cristoforetti, incontrata nel 2012. L’astronauta italiana, appena nominata e in preparazione per la missione Futura, lo coinvolge direttamente e lo mette in contatto con l’agenzia aerospaziale Argotec di Torino.

Sempre nel 2012 scrive le ricette per il libro del Dott. Filippo Ongaro “Mangiare ci fa belli”.

Dal 2014 al 2017 collabora con il CNM  Italia (College of Naturopathic Medicine) per la realizzazione e per la docenza del corso Food & Supplement Cooking Academy. Nello stesso anno scrive il libro “Il potere Rigenerante dei Succhi” per la Sperling & Kupfer.

Da gennaio 2015 è reviewer per il Journal of Culinary Nutrition e, sempre nello stesso anno, entra in contatto con l’IFAD (International Found of Agricultural Developement) e partecipa all’iniziativa “Recipes for change”.

Nel 2015 si trova, inoltre, a parlare della sua esperienza “spaziale” sul palco di Palazzo della Ragione a Padova come speaker per la seconda edizione del TEDx Padova.

Le sessioni di Stefano Polato

12.40 - 13.00
Stare bene in azienda per performare meglio
Intangible che fanno la differenza